CHI SIAMO


Al momento la squadra è composta da:


Ambra, Giulia, Corinna, Rachele, Laura, Matteo, Sabina, Eleonora,

Ognuno di noi ha un compito ben preciso.

Ci occupiamo costantemente di divulgare gli appelli, di eseguire controlli pre e post affido, seguiamo le adozioni, partiamo per le staffette. Inoltre ci occupiamo della gestione saltuaria di emergenze, compatibilmente con i fondi a disposizione e le adozioni a distanza.
Ogni settimana ci muoviamo da Roma per recarci, ad oltre 2 ore di distanza, al canile dove prestiamo volontariato per poter essere la marcia in più per ogni pelosetto, ed ogni settimana siamo costrette a sostenere elevatissimi costi già solo per raggiungere il canile. Lo facciamo perché crediamo che anche solo una coda in più che torni a scodinzolare valga la pena di tutto ciò! Lo facciamo perché speriamo che il nostro lavoro piano piano possa crescere grazie all’aiuto di validi collaboratori che abbiano come noi l’unico interesse di aiutare i poveri cani senza colpa rinchiusi nelle gabbie. Tutto quello che abbiamo fatto e che faremo siamo pronti a condividerlo e cercheremo per quanto possibile di documentarlo.

Un grazie speciale va alle nostre "volontarie virtuali" Laura, Francesca, Chiara, Carla, Rosy e le altre, che diffondono sul web gli appelli. Senza di loro la visibilità dei nostri pelosetti sarebbe senz'altro minore, grazie davvero!!!


untesorodilagotto

untesorodilagotto
Nell'autunno del 2016 è nato un nuovo progetto di Un Tesoro di Cane. E' diretto alla tutela del lagotto romagnolo, cane da lavoro, categoria sfruttata oltremodo e non ancora tutelata direttamente in modo concreto. Questi cani, estremamente sensibili, particolarmente buoni e molto devoti al proprio padrone, vengono da anni sfruttati per la loro resistenza fisica o per la caccia o per la ricerca del tartufo. La riproduzione è incontrollata, con molte cucciolate amatoriali, i microchip quasi inesistenti, i vaccini non ne parliamo e l'addestramento è estremamente duro, violento e faticoso. Data la scarsa rintracciabilità di questi cani, spesso tenuti al buio nei box, quasi sempre nei serragli, nel porcili, nei pollai e praticamente mai in casa, nel momento in cui perdono l'utilità per il padrone, vengono ceduti al primo che capita, che probabilmente aggiungerà violenza alla violenza per tentare l'educazione alla ricerca del tartufo che il precedente proprietario non era riuscito ad imporre, o, in alternativa, vengono barbaramente eliminati. un Tesoro di Cane, entrato in contatto con questa realtà, si propone di essere un'alternativa ad un nuovo serraglio o alla morte barbara. Ancora una volta, compatibilmente con le nostre possibilità, tentiamo di fare la differenza. UN TESORO DI LAGOTTO è aperto a tutti i cani della categoria, in difficoltà e privi di tutela effettiva, nel rispetto delle possibilità economiche e di posti nei rifugi e negli stalli casalinghi compatibili. In caso di adozione verrà chiesto un rimborso spese vetrinarie sostenute, per permetterci di andare avanti con il progetto. Per ogni info e chiarimento scrivete all'indirizzo ambraegiulia@gmail.com specificando nell'oggetto "un tesoro di lagotto". LUCIO è il nostro primo successo!!! Per sapere quali sono i lagotti disponibili al momento cliccate sull'etichetta "un tesoro di lagotto", qui sotto a sinistra.

giovedì 16 marzo 2017

AIUTO PER DIGOTTO, LAGOTTINO DI 2 ANNI LANCIATO DA UNA DIGA HA BISOGNO DI TUTTI VOI!!!!

Progetto "Un tesoro di lagotto". AIUTO ED ADOZIONE DEL CUORE, STORIA DRAMMATICA
PIU' IN BASSO TROVATE GLI AGGIORNAMENTI
Lui è DIGOTTO, lagottino sfortunato. Lo abbiamo chiamato così perché come un vero supereroe è sopravvissuto ad un lancio da una diga. 
Viveva in strada e noi avevamo  già dato disponibilità  a stallarlo quando le dermatiti sulle orecchie e l'otite erano ancora agli inizi e soprattutto le ossa erano ancora intere.
Ma lo stallo faceva paura e hanno preferito lasciarlo per strada.
E così è accaduto che qualcuno si è divertito a lanciarlo da una diga!!
 La nostra parola e la nostra disponibilità non sono venute meno quando le volontarie che lo seguivano, dopo aver capito di aver sbagliato, ci hanno ricontattate. 
Avremmo preferito non vederlo soffrire così,  ma oggi Digotto è con noi e comincia il recupero, speriamo integrale, delle sue capacità motorie evidentemente compromesse. Tre interventi chirurgici da effettuare sempre che le analisi del fegato permettano di sostenere queste anestesie (oggi il fegato non è messo bene). Un tesoro di lagotto c'è,  Digotto  che ha 2 anni ed è un cagnolino tenerissimo, vuole vincere questa battaglia, ma noi abbiamo estremo bisogno di tutti voi.
Aiutateci a dimostrare a Digotto  che l'uomo può essere migliore  di come lui l'ha conosciuto.
Ancora una volta noi proviamo a fare la differenza, ma tutto ciò ha un costo che non possiamo sostenere da  sole....abbiamo bisogno di condivisioni e partecipazione alle spese. AIUTATECI AD AIUTARE DIGOTTO!

PER INFO:  ambraegiulia@gmail.com

PER AIUTARE DIGOTTO:
IBAN: IT22Q0200805056000103791588 intestato a "Un tesoro di cane" con causale "Digotto"

Mandateci una mail dopo la donazione in modo che possiamo ringraziarvi!


AGGIORNAMENTO DIGOTTO

del 17/03/2016



Le lastre suggeriscono urgente operazione all'arto anteriore destro. La frattura rischia di lesionare il nervo e far perdere l'uso della zampina. Il bacino ha fratture, ma intervenire anche su quello non permetterebbe al fegato di sostenere l'anestesia. Inoltre intervenire sul bacino e sulle zampe posteriori comporterebbe un aggravamento del peso sull'anteriore a rischio. Bisogna perciò procedere con cautela e bilanciare gli sforzi sperando che Digotto continui a collaborare.
Lui ce la sta mettendo tutta. E continua ad avere bisogno di noi. La sua ripresa sarà lunga e faticosa. Al momento rimane ricoverato in clinica.

AGGORNAMENTO 21 Marzo.

Primo intervento effettuato, ora aspettiamo decorso post operatorio e relativo (speriamo) recupero.


AGGIORNAMENTO 01 APRILE:

Digotto ha scelto la base di un mobile per la ua convalescenza, che sarà lunga ma fortunatamente in stallo casalingo. Sta meglio ma per guarire più velocemente deve stare più fermo possibile.

Nessun commento:

Posta un commento